Il progresso morale di una società passa spesso attraverso una TRASGRESSIONE INDIVIDUALE dove il colpevole di tale trasgressione soffre a tal punto da, spesso, lasciarci la pelle.

Da oltre 2000 anni si festeggia la venuta al mondo di un UOMO che ha portato all’umanità un doppio messaggio di trasgressione rispetto alle vecchie regole tribali e comunitariste che l’avevano retta fino ad allora: l’eguaglianza di tutti davanti a Dio e la LIBERTA’ individuale. Per diffondere questo messaggio pagò con il prezzo più alto: la sua vita.

Tuttavia, oggi tutti vogliono trasgredire ma nessuno ne vuole sopportare il costo. Ognuno vuole essere un poeta maledetto ma allo stesso tempo vuole avere un comodo sussidio di Stato. Il risultato è una massificazione senza precedenti dove rompere le regole senza pagarne il prezzo è la norma.

È quindi necessario recuperare l’essenza del pensiero Cristiano che consiste nel fatto che ognuno di noi è libero delle sue scelte in ogni momento. Non solo siamo liberi di fare le nostre scelte morali ma queste scelte possono spesso metterci in conflitto con tutti: specialmente con nostra suocera.

In altre parole, come tutte le cose in economia, anche la LIBERTÀ ha un costo. Se non l’avesse non avrebbe nessun VALORE.

Con questo video si chiude il primo capitolo dedicato alla relazione tra Religione ed Economica, e con esso l’anno 2017. Ritorneremo nel 2018 con una nuova serie di video.

A tutti voi un sincero augurio di Buon Natale.