Demografia e macroeconomia sono strettamente collegate. Sfortunatamente, spesso il divorzio tra queste due branche di studio ha un effetto deleterio sulle scelte politiche di un paese. Mentre i galli USA fanno l’amore più volte al giorno e dispongono di un ampio parco galline che cova uova con alto senso patriottico, i galli europei sono sempre meno vigorosi. La situazione è particolarmente grave in Italia, il paese con la più bassa natalità al mondo che passerà da 57 milioni di abitanti a 41 milioni nel 2050.

Nessuno ha il coraggio di dire che la festa è finita per futuri pensionati italiani. Solo una voce si leva fuori dal coro, quella di Laura Boldrini, ex-portavoce delle Nazioni Unite. L’ONU infatti propone una semplice sostituzione: se gallina vecchia fa buon brodo e nient’altro, sostituiamo il bestiame della fattoria con specie provenienti da altri paesi. Tutto questo è contenuto nel Migration Replacement Report, un documento ONU pubblicato fin dal 2000.

È questo il motore arrivo di ondate massicce di turisti africani che arrivano nel bel paese affascinati dalle sue opere d’arte e architettura. Ognuno porta con se la ricchezza della sua cultura e ben 12.000 Euro di spesa l’anno per lo Stato Italiano. Un’opportunità di business da non perdere per imprenditori illuminati che vedono nella solidarietà verso il prossimo un’inesauribile fonte di ricchezza.

Il Paradiso può attendere, basta pagare in cash.

Link

Migration Replacement Reporthttp://www.un.org/esa/population/publications/migration/migration.htm

Sommariohttp://www.un.org/esa/population/publications/migration/execsum.pdf